1. Di cosa ha paura il cane? Ecco alcuni atteggiamenti da evitare
  2. Occhiali da sole per cani: prevenire la cheratite superficiale cronica
  3. Micosi o tigna nei cincillà: cosa è e quali sono i suoi sintomi
  4. Gli effetti dell’erba gatta sui nostri piccoli amici felini
  5. Alimentazione delle tartarughe d’acqua dolce: cosa devi sapere
  6. Occhi rossi nel cane: quali sono le cause e i sintomi
  7. Accarezzare il gatto: sai farlo nel modo giusto?
  8. Malattie del furetto: quali sono le più comuni?
  9. Giochi per furetti domestici: quali bisogna acquistare?
  10. Parco del Pizzorne: passeggiata con fido in primavera
  11. Spazzola per cani e gatti: hai davvero quella giusta per loro?
  12. Cimurro nel cane: cos’è e come riconoscerla
  13. Polpastrelli secchi nei nostri amici a 4 zampe: come idratarli
  14. Sulla neve con fido: Alpi Orobiche e il Rifugio Capanna 2000
  15. Accessori per cincillà: eccone alcuni che non devono mai mancare
  16. Cincillà come animale domestico: ecco alcune informazioni utili
  17. Noduli cutanei nel cane: c’è da preoccuparsi?
  18. Piante per acquari d’acqua dolce: ecco quali scegliere
  19. Furetto domestico: sfatiamo qualche mito su questo animale
  20. Rogna canina: come riconoscerla e prevenzione
  21. Giochi per gatti: ecco alcuni da acquistare per placare i loro istinti
  22. Tenia nel gatto: cosa devi sapere di questo parassita
  23. Filaria nel cane: trattamento e prevenzione contro questa malattia
  24. Scarpe per cani: la diatriba tra i favorevoli e i non
  25. Gengivostomatite nei gatti: quali sono le cause e i sintomi
  26. Sindrome da autodeplumazione nei pappagalli: di cosa si tratta
  27. Spiaggia per cani: Il Santos, passare le vacanze al mare in Puglia
  28. Caldo per cani e gatti: come proteggerli e rinfrescarli in estate
  29. Malattia di Lyme: cos’è e come fare a riconoscerla
  30. Val di Fassa: itinerari per una vacanza da sogno con Fido
  31. Svezzamento cuccioli: cos’è e perchè devono stare con la mamma
  32. Escursione con Fido al Parco Nazionale del Gran Paradiso
  33. Tartarughiere e accessori per il tuo amico d’acqua dolce
  34. Unghie dei cani: la guida essenziale per mantenerle sane e forti
  35. Crocchette per cani pressate a freddo: perchè sono le migliori
  36. Migliore acquario Juwel per neofiti: guida alla scelta 
  37. Acquario d’acqua dolce: cosa devi sapere
  38. Sapevi che lo stress nel gatto è una malattia mentale comune?
  39. Gabbie per pappagalli, le migliori soluzioni da interno ed esterno
  40. I disturbi cutanei nel gatto sono molto comuni: ecco cosa sapere
  41. Quali sono le specie di pappagallo da poter tenere in casa
  42. Shampoo per cani: i migliori per il tuo amico a 4 zampe
  43. Vacanza con fido: dove godersi il mare a Rimini con il tuo cane
  44. E’ in arrivo un gatto in casa? Ecco cosa devi sapere
  45. Forasacchi in arrivo: l’incubo per chi possiede un amico a 4 zampe
  46. Pettorina per animali: come scegliere quella giusta
  47. Tartaruga d’acqua dolce: come prendersene cura
  48. Antiparassitari per cani e gatti: spot-on VS collare
  49. Le migliori lettiere per gatto: guida all’acquisto
  50. I migliori dispenser di acqua per il tuo gatto e cane
  51. Campanelli d’allarme per capire se il tuo cane non sta bene
  52. Alimentazione del coniglio domestico: quello che forse non sapevi
  53. Quando e come pulire le orecchie del cane: ecco alcuni consigli

Le tartarughe d’acqua dolce sono animali affascinanti e molto amati come animali da compagnia. Tuttavia, per prenderci cura al meglio di questi rettili, è necessario comprendere le loro esigenze specifiche in termini di nutrizione, ambiente e cura. In questo articolo, esploreremo i diversi aspetti della cura delle tartarughe, dalle loro diete alle modalità di identificazione delle specie da tenere in casa, passando per il cambio dell’acqua. Se hai appena adottato una tartaruga d’acqua dolce o stai pensando di farlo, continua a leggere l’articolo e soprattutto trova un veterinario esperto di animali esotici a cui rivolgerti nel caso in cui il tuo animale ne avesse bisogno.

Come riconoscere la specie di tartaruga d’acqua dolce

Chi non è mai andato a una fiera e ha comprato una piccola tartaruga d’acqua, con la promessa da parte del venditore che crescerà poco? Ebbene, in realtà non è così! Come tutti gli animali, anche le tartarughe d’acqua se cresciute adeguatamente, raggiungono dimensioni grandi e hanno bisogno di spazio per vivere, come un laghetto.

tartaruga d'acqua dolce: come prendersene cura
tartaruga d’acqua dolce: Emys orbicularis

Ecco perchè riconoscere la specie di tartaruga d’acqua che acquistate, può darvi un’idea di quali sono le sue esigenze e la sua dieta per vivere bene e crescere in forma. La specie più comune è la tartaruga dall’orecchio rosso (Trachemys scripta elegans) e si riconoscono facilmente proprio dal colore dell’orecchio.

Un’altra specie che si trova facilmente nei negozi di animali e fiere è la tartaruga palustre europea (Emys orbicularis), che si riconosce dalle altre specie da alcuni aspetti:

  • ha un guscio piuttosto piatto e largo, di forma ovale o circolare, di colore verde o marrone scuro, con macchie gialle o arancioni;
  • la pelle è grigio-verdastra o marrone, con striature gialle o arancioni sulla testa, sul collo e sulle zampe. La testa è grande e piatta, con una mascella prominente.

Di cosa si nutrono queste due specie di tartaruga

Come tutte le tartarughe, la loro dieta varia in base all’età, alla taglia e alle condizioni di salute. In generale, entrambe le specie sono onnivore, il che significa che mangiano una vasta gamma di cibi. L’Emys orbicularis si nutre principalmente di insetti, crostacei, vermi, molluschi, anfibi e piante acquatiche. La Trachemys scripta elegans, invece, ha una dieta più varia e può mangiare insetti, molluschi, crostacei, anfibi, pesci, uova e frutta. Questa è la loro dieta in natura!

Tartaruga d'acqua dolce: come prendersene cura
Trachemys scripta elegans

In cattività, entrambe le specie possono essere alimentate con una dieta a base di cibo commerciale per tartarughe acquatiche, che si possono acquistare in negozi specializzati. Ma è anche importante garantire loro del cibo fresco, come gamberetti, lombrichi, pezzi di pesce, verdure e frutta ed evitare di alimentare le tartarughe con cibi ad alto contenuto di grassi e proteine, come i prodotti caseari, che possono causare problemi di salute.

E’ consigliabile nutrire le tartarughe d’acqua dolce una volta al giorno o ogni due giorni, a seconda dell’età e della taglia e fornire loro una quantità di cibo che possano mangiare in circa 10-15 minuti. In quanto modo, si sporcherà di meno l’acqua e avranno modo di mangiare tutto il cibo.

Inoltre, è importante garantire che l’acqua del loro habitat sia pulita e fresca, cambiandola ogni 2-3 giorni o più spesso se necessario. Con una dieta equilibrata e una cura adeguata, sia l’Emys orbicularis che la Trachemys scripta elegans possono vivere felicemente e in buona salute in cattività.

Le tartarughe d’acqua dolce vanno in letargo?

Sfatiamo questo mito! La scarsa conoscenza di queste specie animali purtroppo li porta a una morte lenta e vengono gettate ancor prima che queste siano effettivamente morte. Informarsi sulla loro specie e su ciò di cui ha bisogno, non solo garantirà loro una vita lunga e felice ma sensibilizzerà le nuove generazioni, che impareranno a conoscere e prendersi cura anche delle tartarughe d’acqua dolce.

Tartaruga d'acqua dolce: come prendersene cura

Fatta questa premessa, queste due specie di tartarughe d’acqua non vanno in letargo! Tuttavia, è importante sottolineare che queste tartarughe hanno bisogno di un periodo di riposo invernale, noto come “brumazione“. Durante questo periodo, che dura circa 1-2 mesi, la temperatura dell’acqua deve essere ridotta gradualmente a circa 10-15°C, in modo da rallentare il metabolismo della tartaruga e farla riposare.

Durante la brumazione, la tartaruga smette di mangiare e diventa meno attiva, ma non entra in uno stato di letargo completo; è un periodo importante per la salute e il benessere della tartaruga d’acqua dolce, in quanto consente di ripristinare il suo orologio biologico e di prepararla per la riproduzione nella stagione successiva.

Questo articolo è stato scritto solo a titolo informativo e non vuole sostituire in alcun modo il parere del veterinario. Per ogni dubbio o comportamento anomalo, chiamare il proprio veterinario di fiducia o la clinica veterinaria a voi più vicina.