1. Alimentazione delle tartarughe d’acqua dolce: cosa devi sapere
  2. Occhi rossi nel cane: quali sono le cause e i sintomi
  3. Accarezzare il gatto: sai farlo nel modo giusto?
  4. Malattie del furetto: quali sono le più comuni?
  5. Giochi per furetti domestici: quali bisogna acquistare?
  6. Parco del Pizzorne: passeggiata con fido in primavera
  7. Spazzola per cani e gatti: hai davvero quella giusta per loro?
  8. Cimurro nel cane: cos’è e come riconoscerla
  9. Polpastrelli secchi nei nostri amici a 4 zampe: come idratarli
  10. Sulla neve con fido: Alpi Orobiche e il Rifugio Capanna 2000
  11. Accessori per cincillà: eccone alcuni che non devono mai mancare
  12. Cincillà come animale domestico: ecco alcune informazioni utili
  13. Noduli cutanei nel cane: c’è da preoccuparsi?
  14. Piante per acquari d’acqua dolce: ecco quali scegliere
  15. Furetto domestico: sfatiamo qualche mito su questo animale
  16. Rogna canina: come riconoscerla e prevenzione
  17. Giochi per gatti: ecco alcuni da acquistare per placare i loro istinti
  18. Tenia nel gatto: cosa devi sapere di questo parassita
  19. Filaria nel cane: trattamento e prevenzione contro questa malattia
  20. Scarpe per cani: la diatriba tra i favorevoli e i non
  21. Gengivostomatite nei gatti: quali sono le cause e i sintomi
  22. Sindrome da autodeplumazione nei pappagalli: di cosa si tratta
  23. Spiaggia per cani: Il Santos, passare le vacanze al mare in Puglia
  24. Caldo per cani e gatti: come proteggerli e rinfrescarli in estate
  25. Malattia di Lyme: cos’è e come fare a riconoscerla
  26. Val di Fassa: itinerari per una vacanza da sogno con Fido
  27. Svezzamento cuccioli: cos’è e perchè devono stare con la mamma
  28. Escursione con Fido al Parco Nazionale del Gran Paradiso
  29. Tartarughiere e accessori per il tuo amico d’acqua dolce
  30. Unghie dei cani: la guida essenziale per mantenerle sane e forti
  31. Crocchette per cani pressate a freddo: perchè sono le migliori
  32. Migliore acquario Juwel per neofiti: guida alla scelta 
  33. Acquario d’acqua dolce: cosa devi sapere
  34. Sapevi che lo stress nel gatto è una malattia mentale comune?
  35. Gabbie per pappagalli, le migliori soluzioni da interno ed esterno
  36. I disturbi cutanei nel gatto sono molto comuni: ecco cosa sapere
  37. Quali sono le specie di pappagallo da poter tenere in casa
  38. Shampoo per cani: i migliori per il tuo amico a 4 zampe
  39. Vacanza con fido: dove godersi il mare a Rimini con il tuo cane
  40. E’ in arrivo un gatto in casa? Ecco cosa devi sapere
  41. Forasacchi in arrivo: l’incubo per chi possiede un amico a 4 zampe
  42. Pettorina per animali: come scegliere quella giusta
  43. Tartaruga d’acqua dolce: come prendersene cura
  44. Antiparassitari per cani e gatti: spot-on VS collare
  45. Le migliori lettiere per gatto: guida all’acquisto
  46. I migliori dispenser di acqua per il tuo gatto e cane
  47. Campanelli d’allarme per capire se il tuo cane non sta bene
  48. Alimentazione del coniglio domestico: quello che forse non sapevi
  49. Quando e come pulire le orecchie del cane: ecco alcuni consigli

Possedere un animale non convenzionale in casa sta diventando sempre più frequente, così come la scelta e gli errori più comuni che i futuri proprietari fanno quando acquistano un animale esotico. Come primissimo consiglio che ci sentiamo di dare, è quello di informarsi bene sulla scelta del nuovo animale da compagnia e le sue abitudini, magari consultando un professionista. Fatta questa premessa, chi possiede un pappagallo o ha intenzione di acquistarne uno deve sapere che questi uccelli, ma anche altre specie di volatili, possono soffrire della “Sindrome da autodeplumazione“.

Probabilmente non se ne sente parlare molto ed è facilmente intuibile di cosa si tratta; ciò che ai futuri proprietari resta sconosciuta è la causa che scatena questa sindrome.

In cosa consiste la Sindrome da autodeplumazione

Si tratta di un comportamento autolesionistico che si verifica comunemente nei pappagalli e in alcuni altri volatili. In questa condizione, il pappagallo si strappa le piume, causando spesso una significativa perdita di piumaggio su diverse parti del corpo e in particolare le zone facilmente raggiungibili, come il petto, le ali, le zampe e se riescono anche il dorso.

sindrome da autodeplumazione

Sono rari i casi in cui arrivano addirittura a beccarsi la pelle, fino a causare ferite non poco indifferenti. E’ quindi molto importante per chi vuole un pappagallo o ne possiede già uno, riconoscere i primi sintomi e intervenire tempestivamente nella ricerca della causa, con l’aiuto del veterinario e professionista del settore.

Le possibili cause

La Sindrome da autodeplumazione è una sfida molto impegnativa per il veterinario, perchè le cause possono essere molteplici e a volte difficili da individuare. Una delle possibili cause può essere la mancata relazione con i suoi simili, specialmente se si ha un solo individuo o è stato allevato a mano. In questo caso, il pappagallo tenderà a identificarsi con gli umani fino a sviluppare una frustrazione di tipo sessuale, arrivando a corteggiare i suoi proprietari che non gli daranno le attenzioni dovute.

Un’altra causa psico-comportamentale è la gelosia nei confronti del suo padrone, quando questo dona attenzioni affettuose a un’altra persone. In questo caso, il vostro animale inizierà a ingelosirsi fino a urlare e strapparsi le penne. Anche l’essere ceduti a un nuovo proprietario porta il pappagallo a un forte stato di stress fino ad autolesionarsi.

Sindrome da autodeplumazione nei pappagalli: di cosa si tratta

Altre cause possono essere legate alla salute fisica del pappagallo, come la presenza di parassiti o infezioni cutanee o malattie sistemiche possono causare prurito o disagio, spingendo il pappagallo a strapparsi le piume per alleviare i sintomi.

La dieta per questi uccelli è molto importante; infatti, il misto semi benché sia irresistibile per loro ,se non attentamente bilanciato, può trasformarsi in una tentazione troppo calorica, con carenze di preziose vitamine e proteine, e un eccesso di grassi. Il risultato è un pappagallo non solo felice ma anche rotondino e obeso, con una pelle sottile e debilitata, che purtroppo prude incessantemente, spingendolo a cercare sollievo nel beccarsi.

I pappagalli più soggetti alla Sindrome da autodeplumazione

Benché la maggior parte dei volatili può manifestare la Sindrome da autodeplumazione, le specie che sono più soggette a questa patologie sono quelle intelligenti.

In un altro articolo abbiamo parlato di alcune specie di pappagalli molto intelligenti da poter tenere in casa; specie come il pappagallo cenerino e il cacatua, i pappagalli del genere Amazzona e gli inseparabili sono tra i più intelligenti in grado di sviluppare un attaccamento anche morboso nei confronti dei loro proprietari.

sindrome da autodeplumazione

E’ infatti consigliabile quando si acquista un pappagallo di prendere una coppia, così che abbiano interazione tra di loro, compagnia e possiate gestire meglio il loro carattere con l’aiuto di una persona esperta nel comportamento dei volatili. Inoltre, ricordiamo che i pappagalli – indipendentemente dalla loro dimensione – devono avere spazio a disposizione dove poter volare e sentirsi liberi.

Spesso questo viene a mancare, soprattutto quando si acquistano piccole gabbie senza dargli il giusto peso e significato nella scelta di quest’ultima, per la salute dei pappagalli. A tal proposito, abbiamo un articolo con alcune delle migliori gabbie per pappagalli che potrete consultare.