1. Alimentazione delle tartarughe d’acqua dolce: cosa devi sapere
  2. Occhi rossi nel cane: quali sono le cause e i sintomi
  3. Accarezzare il gatto: sai farlo nel modo giusto?
  4. Malattie del furetto: quali sono le più comuni?
  5. Giochi per furetti domestici: quali bisogna acquistare?
  6. Parco del Pizzorne: passeggiata con fido in primavera
  7. Spazzola per cani e gatti: hai davvero quella giusta per loro?
  8. Cimurro nel cane: cos’è e come riconoscerla
  9. Polpastrelli secchi nei nostri amici a 4 zampe: come idratarli
  10. Sulla neve con fido: Alpi Orobiche e il Rifugio Capanna 2000
  11. Accessori per cincillà: eccone alcuni che non devono mai mancare
  12. Cincillà come animale domestico: ecco alcune informazioni utili
  13. Noduli cutanei nel cane: c’è da preoccuparsi?
  14. Piante per acquari d’acqua dolce: ecco quali scegliere
  15. Furetto domestico: sfatiamo qualche mito su questo animale
  16. Rogna canina: come riconoscerla e prevenzione
  17. Giochi per gatti: ecco alcuni da acquistare per placare i loro istinti
  18. Tenia nel gatto: cosa devi sapere di questo parassita
  19. Filaria nel cane: trattamento e prevenzione contro questa malattia
  20. Scarpe per cani: la diatriba tra i favorevoli e i non
  21. Gengivostomatite nei gatti: quali sono le cause e i sintomi
  22. Sindrome da autodeplumazione nei pappagalli: di cosa si tratta
  23. Spiaggia per cani: Il Santos, passare le vacanze al mare in Puglia
  24. Caldo per cani e gatti: come proteggerli e rinfrescarli in estate
  25. Malattia di Lyme: cos’è e come fare a riconoscerla
  26. Val di Fassa: itinerari per una vacanza da sogno con Fido
  27. Svezzamento cuccioli: cos’è e perchè devono stare con la mamma
  28. Escursione con Fido al Parco Nazionale del Gran Paradiso
  29. Tartarughiere e accessori per il tuo amico d’acqua dolce
  30. Unghie dei cani: la guida essenziale per mantenerle sane e forti
  31. Crocchette per cani pressate a freddo: perchè sono le migliori
  32. Migliore acquario Juwel per neofiti: guida alla scelta 
  33. Acquario d’acqua dolce: cosa devi sapere
  34. Sapevi che lo stress nel gatto è una malattia mentale comune?
  35. Gabbie per pappagalli, le migliori soluzioni da interno ed esterno
  36. I disturbi cutanei nel gatto sono molto comuni: ecco cosa sapere
  37. Quali sono le specie di pappagallo da poter tenere in casa
  38. Shampoo per cani: i migliori per il tuo amico a 4 zampe
  39. Vacanza con fido: dove godersi il mare a Rimini con il tuo cane
  40. E’ in arrivo un gatto in casa? Ecco cosa devi sapere
  41. Forasacchi in arrivo: l’incubo per chi possiede un amico a 4 zampe
  42. Pettorina per animali: come scegliere quella giusta
  43. Tartaruga d’acqua dolce: come prendersene cura
  44. Antiparassitari per cani e gatti: spot-on VS collare
  45. Le migliori lettiere per gatto: guida all’acquisto
  46. I migliori dispenser di acqua per il tuo gatto e cane
  47. Campanelli d’allarme per capire se il tuo cane non sta bene
  48. Alimentazione del coniglio domestico: quello che forse non sapevi
  49. Quando e come pulire le orecchie del cane: ecco alcuni consigli

Quando il nostro micio non sta bene, ce ne accorgiamo dai sintomi che accusa e che possono essere diversi a seconda del problema, abbattimento o diarrea o febbre. Tutti sintomi visibili, ma sapevi che c’è una malattia che è molto frequente nel tuo amico felino? Lo stress nel gatto è una malattia psicologica molto comune eppure poco conosciuta, riconoscerne i sintomi non è sempre facile ed è buona norma – quando si ha un sospetto o si notano comportamenti non abituali – contattare il medico veterinario che darà una diagnosi più precisa.

Quali sono i sintomi dello stress nel gatto

E’ bene fare una precisazione, ovvero che i sintomi possono essere simili tra patologie e non è detto che siano associati allo stress. Tuttavia, alcuni in particolare potrebbero aiutarvi a capire se si tratta proprio di questa malattia, tra cui:

  • vomito e diarrea;
  • il gatto si pulisce e si lecca in modo compulsivo;
  • è aggressivo nei confronti del padrone;
  • fa i bisogni fuori dalla lettiera e marca i mobili (ovvero ci fa pipì sopra);
  • perdita eccessiva di pelo, è un sintomo tipico quando il gatto è molto stressato. A volte, nei casi più gravi è il gatto stesso che si impunta su una zona del corpo e si strappa i peli da solo;
  • si “frizza”, letteralmente. Lo si può notare quando ad esempio è in procinto di catturare una presa e all’improvviso si blocca in una posizione per diverso tempo, guardando il vuoto;
  • agguati e attività predatorie: il gatto per natura tende a cacciare essendo un abile predatore, ma ha un motivo per farlo, una preda. Quando il gatto salta nel nulla o lo troviamo a rincorrere oggetti invisibili, allora siamo di fronte a un grave caso di stress e bisogno intervenire tempestivamente.
stress nel gatto

Vi sono altri sintomi che ci fanno capire quando il nostro amato micio è stressato, come ad esempio il fiatone e la lingua che penzola. Ma in questo caso, il contesto gioca un ruolo principale e non per forza è da associare allo stress. Tuttavia, la situazione cambia nel momento in cui questi atteggiamenti sono accompagnati da lunghi miagolii. In tal caso, il gatto è in stato di stress.

Perchè il nostro amico a 4 zampe è stressato

Ora che abbiamo capito quali sono i sintomi più comuni che ci fanno capire quando il nostro felino è stressato, bisogna trovare la fonte del suo stress. E anche in questo caso, possono essere molteplici i motivi, alcuni meno gravi di altri su cui agire in tempo e non fare accusare uno stress eccessivo al gatto.

Ad esempio, spostare la lettiera potrebbe causa dello stress al gatto che aveva associato quel determinato spazio al suo “bagno” personale e d’improvviso si ritrova a dover memorizzare un posto nuovo, oppure è eccessivamente sporca. Ricordiamo che ciò che per noi può sembrare banale, per i nostri amici animali non lo sono!

Sapevi che lo stress nel gatto è una malattia mentale comune?

Inoltre, il gatto è un animale abitudinario e, se non abituato fin da piccolo a diverse fonti di stress per gestirlo meglio, anche un semplice cambiamento d’ambiente per lui è tanta roba! In questi casi, si parla di stress ambientali, ovvero l’incapacità da parte del gatto di gestire lo stress dovuto ai cambiamenti dell’ambiente che lo circonda. Ad esempio, quando si torna dalle vacanze, lunghi viaggi in auto, è stato per diverso tempo in una pensione per gatti e situazioni simili.

Anche un forte spavento può causare nel gatto un forte stress che si porterà dietro per diverso tempo. Questa è una conseguenza a cui molti padroni purtroppo vanno incontro quando ci sono fuochi d’artificio, il cui botto e rumore forte causa nel gatto un forte stress emotivo e psicologico. Inoltre, a meno che non si tratti di un gatto molto socievole, nella maggior parte dei casi la presenza di un estraneo in casa è un’altra fonte di stress, che può sfociare in aggressività.

Cosa fare in caso di stress nel gatto

Se notiamo uno o più sintomi di cui abbiamo parlato, probabilmente il tuo gatto è stressato. Prima di procedere ai fai-da-te e dare i sintomi per scontato, contatta il tuo veterinario di fiducia e spiegagli la situazione.

In generale, possiamo prendere alcuni accorgimenti per far si che il nostro amico felino possa scaricare lo stress (non per forza deve essere in condizioni cliniche patologiche); ad esempio, il tuo gatto dovrebbe sempre avere un tiragraffi e un posto intimo dove può rilassarsi indisturbato. Inoltre, è importante che i membri della famiglia capiscano quando è il momento di lasciare stare il proprio gatto, in quanto strapazzarlo o inseguirlo per la casa gli causa stress e disagio.

Nei casi più gravi, potrebbe essere necessario utilizzare dei farmaci per l’incolumità del gatto stesso e di tutta la famiglia, ma questo sarà il vostro veterinario a stabilirlo eventualmente!

Questo articolo è stato scritto solo a titolo informativo e non vuole sostituire in alcun modo il parere del veterinario. Per ogni dubbio o comportamento anomalo, chiamare il proprio veterinario di fiducia o la clinica veterinaria a voi più vicina.