1. Alimentazione delle tartarughe d’acqua dolce: cosa devi sapere
  2. Occhi rossi nel cane: quali sono le cause e i sintomi
  3. Accarezzare il gatto: sai farlo nel modo giusto?
  4. Malattie del furetto: quali sono le più comuni?
  5. Giochi per furetti domestici: quali bisogna acquistare?
  6. Parco del Pizzorne: passeggiata con fido in primavera
  7. Spazzola per cani e gatti: hai davvero quella giusta per loro?
  8. Cimurro nel cane: cos’è e come riconoscerla
  9. Polpastrelli secchi nei nostri amici a 4 zampe: come idratarli
  10. Sulla neve con fido: Alpi Orobiche e il Rifugio Capanna 2000
  11. Accessori per cincillà: eccone alcuni che non devono mai mancare
  12. Cincillà come animale domestico: ecco alcune informazioni utili
  13. Noduli cutanei nel cane: c’è da preoccuparsi?
  14. Piante per acquari d’acqua dolce: ecco quali scegliere
  15. Furetto domestico: sfatiamo qualche mito su questo animale
  16. Rogna canina: come riconoscerla e prevenzione
  17. Giochi per gatti: ecco alcuni da acquistare per placare i loro istinti
  18. Tenia nel gatto: cosa devi sapere di questo parassita
  19. Filaria nel cane: trattamento e prevenzione contro questa malattia
  20. Scarpe per cani: la diatriba tra i favorevoli e i non
  21. Gengivostomatite nei gatti: quali sono le cause e i sintomi
  22. Sindrome da autodeplumazione nei pappagalli: di cosa si tratta
  23. Spiaggia per cani: Il Santos, passare le vacanze al mare in Puglia
  24. Caldo per cani e gatti: come proteggerli e rinfrescarli in estate
  25. Malattia di Lyme: cos’è e come fare a riconoscerla
  26. Val di Fassa: itinerari per una vacanza da sogno con Fido
  27. Svezzamento cuccioli: cos’è e perchè devono stare con la mamma
  28. Escursione con Fido al Parco Nazionale del Gran Paradiso
  29. Tartarughiere e accessori per il tuo amico d’acqua dolce
  30. Unghie dei cani: la guida essenziale per mantenerle sane e forti
  31. Crocchette per cani pressate a freddo: perchè sono le migliori
  32. Migliore acquario Juwel per neofiti: guida alla scelta 
  33. Acquario d’acqua dolce: cosa devi sapere
  34. Sapevi che lo stress nel gatto è una malattia mentale comune?
  35. Gabbie per pappagalli, le migliori soluzioni da interno ed esterno
  36. I disturbi cutanei nel gatto sono molto comuni: ecco cosa sapere
  37. Quali sono le specie di pappagallo da poter tenere in casa
  38. Shampoo per cani: i migliori per il tuo amico a 4 zampe
  39. Vacanza con fido: dove godersi il mare a Rimini con il tuo cane
  40. E’ in arrivo un gatto in casa? Ecco cosa devi sapere
  41. Forasacchi in arrivo: l’incubo per chi possiede un amico a 4 zampe
  42. Pettorina per animali: come scegliere quella giusta
  43. Tartaruga d’acqua dolce: come prendersene cura
  44. Antiparassitari per cani e gatti: spot-on VS collare
  45. Le migliori lettiere per gatto: guida all’acquisto
  46. I migliori dispenser di acqua per il tuo gatto e cane
  47. Campanelli d’allarme per capire se il tuo cane non sta bene
  48. Alimentazione del coniglio domestico: quello che forse non sapevi
  49. Quando e come pulire le orecchie del cane: ecco alcuni consigli

I polpastrelli secchi nel cane e gatto sono un fenomeno molto comune che, se non idratati all’occorrenza, possono causare fastidi e dolori ai nostri animali domestici. Infatti, i cuscinetti delle zampe sono molto importanti per diversi motivi, tra cui la stabilità, l’ammortizzazione degli impatti e proteggono da fattori esterni.

Cuscinetti secchi: ecco perchè

I motivi per cui i polpastrelli dei nostri cani e gatti risultano secchi, sono molteplici e uno di questi è l’esposizione prolungata su terreni secchi o l’asfalto caldo, specialmente nel periodo estivo. Tuttavia, è da non sottovalutare l’esposizione anche al freddo, ad esempio in montagna d’inverno in quanto la neve può portare a screpolature – e anche a lesioni – dei cuscinetti.

Polpastrelli secchi nei nostri amici a 4 zampe: come idratarli
Foto inedita Billy – polpastrelli secchi

Anche lo sfregamento su superfici molto ruvide sono la causa di polpastrelli secchi e screpolati, ad esempio quando si porta il nostro pet a correre all’aperto. L’invecchiamento naturale e le dermatiti sono altre cause che portano i cuscinetti di cani e gatti a essere screpolati; nel caso delle dermatiti altri sintomi sono la presenza di croste e rigonfiamenti.

Nel caso del gatto, anche leccarsi molto la zampa porta a screpolarsi i cuscinetti; in questo caso è importante trovare la causa di questo comportamento in quanto i felini non presentano coperture ai polpastrelli come nel cane. Inoltre, sia nel cane che nel gatto una cattiva alimentazione è tra le principali cause di questo fenomeno ed è molto importante che la loro dieta sia equilibrata.

Cosa usare per idratare i polpastrelli secchi?

E’ buona norma controllare i polpastrelli dei nostri animali domestici al rientro di una passeggiata, oppure con una frequenza regolare per scongiurare l’insorgere di tagli e ferite dolorose. Usare la crema idratante per animali è efficace per far sì che i loro cuscinetti siano sempre morbidi e al top.

Un altro accorgimento molto importante da adottare sia in estate con il caldo torrido, sia in inverno con il forte freddo, è quello di uscire nelle ore più fresche (nel periodo estivo) o in quelle più calde (nel periodo invernale). In caso di forte freddo o una passeggiata nella neve, si potrebbe optare per dei calzini (consiglio di averne sempre un paio di evenienza insieme alla crema) o scarpette per cani.

Se il problema persiste o avete il sentore che potrebbe trattarsi di altro, il vostro veterinario di fiducia vi aiuterà a scegliere il prodotto migliore o a effettuare maggiori controlli.

Questo articolo è stato scritto solo a titolo informativo e non vuole sostituire in alcun modo il parere del veterinario. Per ogni dubbio o comportamento anomalo, chiamare il proprio veterinario di fiducia o la clinica veterinaria a voi più vicina.