1. Alimentazione delle tartarughe d’acqua dolce: cosa devi sapere
  2. Occhi rossi nel cane: quali sono le cause e i sintomi
  3. Accarezzare il gatto: sai farlo nel modo giusto?
  4. Malattie del furetto: quali sono le più comuni?
  5. Giochi per furetti domestici: quali bisogna acquistare?
  6. Parco del Pizzorne: passeggiata con fido in primavera
  7. Spazzola per cani e gatti: hai davvero quella giusta per loro?
  8. Cimurro nel cane: cos’è e come riconoscerla
  9. Polpastrelli secchi nei nostri amici a 4 zampe: come idratarli
  10. Sulla neve con fido: Alpi Orobiche e il Rifugio Capanna 2000
  11. Accessori per cincillà: eccone alcuni che non devono mai mancare
  12. Cincillà come animale domestico: ecco alcune informazioni utili
  13. Noduli cutanei nel cane: c’è da preoccuparsi?
  14. Piante per acquari d’acqua dolce: ecco quali scegliere
  15. Furetto domestico: sfatiamo qualche mito su questo animale
  16. Rogna canina: come riconoscerla e prevenzione
  17. Giochi per gatti: ecco alcuni da acquistare per placare i loro istinti
  18. Tenia nel gatto: cosa devi sapere di questo parassita
  19. Filaria nel cane: trattamento e prevenzione contro questa malattia
  20. Scarpe per cani: la diatriba tra i favorevoli e i non
  21. Gengivostomatite nei gatti: quali sono le cause e i sintomi
  22. Sindrome da autodeplumazione nei pappagalli: di cosa si tratta
  23. Spiaggia per cani: Il Santos, passare le vacanze al mare in Puglia
  24. Caldo per cani e gatti: come proteggerli e rinfrescarli in estate
  25. Malattia di Lyme: cos’è e come fare a riconoscerla
  26. Val di Fassa: itinerari per una vacanza da sogno con Fido
  27. Svezzamento cuccioli: cos’è e perchè devono stare con la mamma
  28. Escursione con Fido al Parco Nazionale del Gran Paradiso
  29. Tartarughiere e accessori per il tuo amico d’acqua dolce
  30. Unghie dei cani: la guida essenziale per mantenerle sane e forti
  31. Crocchette per cani pressate a freddo: perchè sono le migliori
  32. Migliore acquario Juwel per neofiti: guida alla scelta 
  33. Acquario d’acqua dolce: cosa devi sapere
  34. Sapevi che lo stress nel gatto è una malattia mentale comune?
  35. Gabbie per pappagalli, le migliori soluzioni da interno ed esterno
  36. I disturbi cutanei nel gatto sono molto comuni: ecco cosa sapere
  37. Quali sono le specie di pappagallo da poter tenere in casa
  38. Shampoo per cani: i migliori per il tuo amico a 4 zampe
  39. Vacanza con fido: dove godersi il mare a Rimini con il tuo cane
  40. E’ in arrivo un gatto in casa? Ecco cosa devi sapere
  41. Forasacchi in arrivo: l’incubo per chi possiede un amico a 4 zampe
  42. Pettorina per animali: come scegliere quella giusta
  43. Tartaruga d’acqua dolce: come prendersene cura
  44. Antiparassitari per cani e gatti: spot-on VS collare
  45. Le migliori lettiere per gatto: guida all’acquisto
  46. I migliori dispenser di acqua per il tuo gatto e cane
  47. Campanelli d’allarme per capire se il tuo cane non sta bene
  48. Alimentazione del coniglio domestico: quello che forse non sapevi
  49. Quando e come pulire le orecchie del cane: ecco alcuni consigli

Ogni acquario – sia esso dolce o salato – ha bisogno di accessori che sono essenziali per l’ecosistema acquatico e tra questi, le piante per acquari sono forse il primo aspetto più importante a cui pensare, per la salute dei suoi ospiti. C’è chi ancora pensa che acquistare le piante finte sia una soluzione economica e ottimale, ma è l’esatto contrario!

I benefici di avere piante per acquari vere per i pesci e non solo

L’acquario è un ecosistema che richiede cura e attenzione sotto diversi aspetti e uno di questi è proprio l’introduzione delle piante vere già in fase di allestimento e maturazione dell’acqua, prima di introdurre qualsiasi ospite.

piante per acquari

Le piante contribuiscono infatti all’equilibrio ecologico dell’acquario, assorbendo i nutrienti in eccesso come nitrati e fosfati, che altrimenti favorirebbero la crescita di alghe indesiderate, forniscono anche rifugi e nascondigli per i pesci – un aspetto molto importante per chi ha a cuore la loro salute – riducendo lo stress e migliorando il loro benessere. Inoltre, producono ossigeno durante la fotosintesi, migliorando la qualità dell’acqua e la vitalità degli abitanti dell’acquario.

Tutto questo, le piante finte non lo fanno e potrebbero in molti casi creare ferite ai pesci che si strofinano alle foglie (appunto dure e spigolose in quanto plastica). Inoltre, possono rilasciare nel tempo sostanze nocive per i pesci. Un altro aspetto molto importante è l’estetica: le piante vere sono molto più belle e naturali grazie ai loro colori.

Alcune piante indispensabili per l’acquario

Ci sono molte piante per acquari di acqua dolce che sono compatibili tra loro, mentre con altre possono entrare in allelopatia. Dunque, prima di acquistare piante “a casaccio” è buona norma informarsi quali sono compatibili tra loro e per il tipo di acquario che si vuole allestire.

Tra le più comuni abbiamo:

  • la vallisneria: una pianta che offre molti ripari ai pesci in quanto cresce facilmente e velocemente, a foglia lunga e sottile;
  • l’anubias: ce ne sono di diverse specie e sono quelle piante con cui è possibile creare allestimenti molto belli. Infatti, non va interrata ma si ancorano a rocce e tronchi, dando un aspetto più naturale all’acquario;
Piante per acquari d'acqua dolce: ecco quali scegliere
  • la famiglia delle cryptocorine: disponibili in diverse forme, colori e dimensioni e sono indispensabili in un acquario in quanto creano rifugi ai pesci e migliorano la qualità dell’acqua;
  • Egeria densa: è una pianta che cresce velocemente e non ha esigenze particolari, perfetta per i neofiti ma non bisogna inserirla se si ha intenzione di mettere la limnophila sessiliflora in quanto vanno in alleloparia;
  • Limnophila sessiliflora: è un’altra pianta molto facile da gestire e che cresce anch’essa velocemente, con le sue foglie pennate anch’essa contribuisce a fornire riparo agli ospiti dell’acquario e ad assorbire nitrati e nitriti;
  • Hygrophila: ci sono diverse specie di Hygrophila che si adattano a diversi tipi di acquario d’acqua dolce, a crescita rapida ma sono soprattutto considerate ossigenanti.

Queste sono solo alcune delle tantissime specie di piante per acquari d’acqua dolce che aiutano a rendere non solo sano l’ecosistema, ma anche a donargli un aspetto molto naturale. Gli acquari richiedono cure e attenzioni; tuttavia, una volta che l’ecosistema è avviato e funziona bene, bastono pochi e semplici accorgimenti per avere un acquario sempre perfetto e in salute.