Otite nei cani: cause, sintomi, trattamento e prevenzione

Salute del cane

Nel cane, come nell’uomo, l’otite è un’infiammazione del condotto uditivo. Può essere doloroso, soprattutto se interessa l’orecchio interno. Richiede tutta la vostra attenzione. Il cane non sarà in grado di spiegare il dolore, che può essere molto intenso. L’otite deve essere trattata con farmaci. Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’otite nei cani.

I cani con infezioni alle orecchie devono essere presi sul serio

Che cos’è un’infezione dell’orecchio nei cani?

L’otite nei cani è un’infiammazione che non deve essere trascurata. È molto comune! L’otite nei cani inizia con un’infiammazione del condotto uditivo. Nei cani, l’otite è considerata un problema dermatologico.

Esistono diversi tipi di otite nei cani. L’otite esterna non è grave. Sebbene siano dolorose, sono limitate al canale uditivo esterno. Le infezioni dell’orecchio medio e interno sono più estese e causano più dolore. Se non vengono trattate adeguatamente, possono portare a superinfezioni. L’ultimo tipo di otite è l’otite cronica. Questo accade quando un cane ha più di 2 infezioni dell’orecchio all’anno.

Cause dell’otite nei cani

Le cause dell’otite nei cani sono molteplici. Il più comune è un accumulo di cerume. Va notato che le orecchie del cane si puliscono da sole in modo naturale. A volte questa funzione non è più ottimale. Il cerume si accumula e il rischio di infezioni aumenta notevolmente.

Un’infezione all’orecchio può essere causata anche da :

  • la presenza di un corpo estraneo nel condotto uditivo,
  • la presenza di parassiti come pidocchi, pulci, zecche o cimici,
  • allergia da contatto o allergia atopica.

Se il cane ha avuto la rogna dell’orecchio, è molto probabile che in seguito soffra di un’infezione all’orecchio.

Quando un’infezione all’orecchio non viene trattata, si instaura un’infezione. A volte è causata da batteri, altre volte da un fungo. È importante conoscere la causa dell’infezione per proporre il trattamento migliore e più efficace.

Quali sono i segni dell’otite nei cani?

Non è facile individuare un’infezione all’orecchio nei cani. Tuttavia, è essenziale conoscere i segni della malattia per assicurarsi che il cane venga trattato rapidamente. In questo modo si può evitare al cane di soffrire inutilmente. Ecco i segnali che dovrebbero mettervi in guardia.

  • Il cane non si lascia andare quando gli si tocca l’orecchio. Potrebbe piagnucolare.
  • Il cane si gratta l’orecchio.
  • Il cane ha una scarica. Può trattarsi di pus o di cerume.
  • Il cane ha le orecchie calde.
  • Il cane ha le orecchie infiammate.
  • Il cane ha le orecchie rosse.

Quando un’infezione dell’orecchio colpisce entrambe le orecchie, si parla di otite bilaterale.

Quali sono le predisposizioni all’otite nei cani?

È importante sapere che non tutti i cani sono colpiti allo stesso modo dalle otiti. Questo è il caso dei cani con orecchie flosce come :

  • Il Beagle,
  • Il Cocker spaniel,
  • Lo Spaniel.

A causa della lunghezza delle orecchie, il condotto uditivo manca di ventilazione. Il rischio di accumulo e macerazione è maggiore. Anche altri cani sono soggetti a infezioni dell’orecchio. Questo è il caso di :

  • Labrador,
  • Lo Shar-pei,
  • Il Bulldog.

Tra i cani a rischio ci sono anche quelli con allergie, problemi dermatologici o iperproduzione seborroica.

Come trattare l’otite nei cani?

Che sia batterica, micotica, parassitaria o allergica, un’infezione dell’orecchio deve essere trattata. A tal fine, è essenziale fissare un appuntamento con un veterinario. In questo modo, il professionista potrà confermare la diagnosi e prescrivere un trattamento adeguato.

Per trattare un’otite, è indispensabile pulire accuratamente l’orecchio o le orecchie del cane. Poi si può applicare una crema dermatologica. In questo modo viene trattato il condotto uditivo esterno. Se l’otite è più profonda, è indispensabile introdurre delle gocce nel condotto uditivo. A volte è consigliabile somministrare al cane anche qualche pillola. Possono essere antibiotici o antidolorifici.

È fondamentale somministrare al cane l’intero ciclo di trattamento. Anche se vedete che il vostro cane sta migliorando, dovete continuare il trattamento, seguendo attentamente i consigli del veterinario. Altri errori da evitare sono quelli di non lavare le orecchie del cane con un cotton fioc. Si rischia di ferirlo. È meglio usare un batuffolo di cotone o un panno umido.

Come già detto, l’otite non trattata porta alla superinfezione. Ma questa non è l’unica complicazione nota. È possibile che il cane subisca una perdita dell’udito. Questo è irreversibile! Ecco perché non bisogna prendere alla leggera le malattie dell’orecchio.

Come prevenire le infezioni dell’orecchio nei cani?

Le infezioni alle orecchie sono comuni nei cani che nuotano regolarmente. Per evitare infiammazioni, si consiglia di asciugare sempre le orecchie del cane dopo il bagno. Se le orecchie del cane sono fastidiose nei giorni successivi a una sessione di nuoto, pulitele. Fate attenzione! Se i segni dell’otite sono già presenti, non bisogna pulire le orecchie. È meglio fissare un appuntamento con il veterinario.

Se si scopre che il cane ha un corpo estraneo nell’orecchio, si può provare a rimuoverlo. È necessario essere vigili. Dovete assicurarvi che il vostro cane vi permetta di farlo o che un’altra persona possa aiutarvi tenendo il cane. Ci sono consigli online. Alcuni sono buoni, altri no! Inoltre, se vi viene consigliato di prendere una siringa e di svuotare il contenuto nell’orecchio del cane, è un grosso errore! Se il cane si muove o se si svuota la siringa troppo velocemente, il rischio è grande.

Quando portate il cane dal toelettatore, chiedetegli di tagliare le orecchie. Questo aiuterà la cera a drenare più facilmente. Allo stesso modo, quando visitate il veterinario, chiedetegli di controllare le orecchie del cane. L’applicazione di un antiparassitario riduce il rischio di infezioni alle orecchie.

Rate article