1. Alimentazione delle tartarughe d’acqua dolce: cosa devi sapere
  2. Occhi rossi nel cane: quali sono le cause e i sintomi
  3. Accarezzare il gatto: sai farlo nel modo giusto?
  4. Malattie del furetto: quali sono le più comuni?
  5. Giochi per furetti domestici: quali bisogna acquistare?
  6. Parco del Pizzorne: passeggiata con fido in primavera
  7. Spazzola per cani e gatti: hai davvero quella giusta per loro?
  8. Cimurro nel cane: cos’è e come riconoscerla
  9. Polpastrelli secchi nei nostri amici a 4 zampe: come idratarli
  10. Sulla neve con fido: Alpi Orobiche e il Rifugio Capanna 2000
  11. Accessori per cincillà: eccone alcuni che non devono mai mancare
  12. Cincillà come animale domestico: ecco alcune informazioni utili
  13. Noduli cutanei nel cane: c’è da preoccuparsi?
  14. Piante per acquari d’acqua dolce: ecco quali scegliere
  15. Furetto domestico: sfatiamo qualche mito su questo animale
  16. Rogna canina: come riconoscerla e prevenzione
  17. Giochi per gatti: ecco alcuni da acquistare per placare i loro istinti
  18. Tenia nel gatto: cosa devi sapere di questo parassita
  19. Filaria nel cane: trattamento e prevenzione contro questa malattia
  20. Scarpe per cani: la diatriba tra i favorevoli e i non
  21. Gengivostomatite nei gatti: quali sono le cause e i sintomi
  22. Sindrome da autodeplumazione nei pappagalli: di cosa si tratta
  23. Spiaggia per cani: Il Santos, passare le vacanze al mare in Puglia
  24. Caldo per cani e gatti: come proteggerli e rinfrescarli in estate
  25. Malattia di Lyme: cos’è e come fare a riconoscerla
  26. Val di Fassa: itinerari per una vacanza da sogno con Fido
  27. Svezzamento cuccioli: cos’è e perchè devono stare con la mamma
  28. Escursione con Fido al Parco Nazionale del Gran Paradiso
  29. Tartarughiere e accessori per il tuo amico d’acqua dolce
  30. Unghie dei cani: la guida essenziale per mantenerle sane e forti
  31. Crocchette per cani pressate a freddo: perchè sono le migliori
  32. Migliore acquario Juwel per neofiti: guida alla scelta 
  33. Acquario d’acqua dolce: cosa devi sapere
  34. Sapevi che lo stress nel gatto è una malattia mentale comune?
  35. Gabbie per pappagalli, le migliori soluzioni da interno ed esterno
  36. I disturbi cutanei nel gatto sono molto comuni: ecco cosa sapere
  37. Quali sono le specie di pappagallo da poter tenere in casa
  38. Shampoo per cani: i migliori per il tuo amico a 4 zampe
  39. Vacanza con fido: dove godersi il mare a Rimini con il tuo cane
  40. E’ in arrivo un gatto in casa? Ecco cosa devi sapere
  41. Forasacchi in arrivo: l’incubo per chi possiede un amico a 4 zampe
  42. Pettorina per animali: come scegliere quella giusta
  43. Tartaruga d’acqua dolce: come prendersene cura
  44. Antiparassitari per cani e gatti: spot-on VS collare
  45. Le migliori lettiere per gatto: guida all’acquisto
  46. I migliori dispenser di acqua per il tuo gatto e cane
  47. Campanelli d’allarme per capire se il tuo cane non sta bene
  48. Alimentazione del coniglio domestico: quello che forse non sapevi
  49. Quando e come pulire le orecchie del cane: ecco alcuni consigli

Con l’arrivo della primavera, chi ha un animale domestico sa bene che bisogna avere la massima attenzione per una pianta in particolare che causa non pochi problemi: i forasacchi. I forasacchi sono una minaccia comune soprattutto per i cani e gatti con il pelo lungo, causando disagi e ferite profonde che richiedono operazioni chirurgiche. Nel peggiore dei casi, se non vengono eliminati in tempo possono portare alla morte dell’animale.

Dunque, per quanto sia una delle stagioni più belle, chi ha un animale domestico è sempre in preda all’ansia. Tuttavia, per scongiurare ogni brutta evenienza bastano pochi accorgimenti ma costanti e accurati.

Cosa sono i forasacchi e perchè sono pericolosi

I forasacchi sono le spighe di alcune specie di graminacee che, quando sono secche, si staccano facilmente dallo stelo e si attacco ai vestiti e al pelo degli animali. Sono molto pericolose per i nostri animali domestici a causa della loro conformazione.

forasacchi

Infatti, la parte che si stacca dalla pianta è molto appuntita mentre tutto il resto è ricoperta di piccoli aculei che fanno da ancoraggio e rimangono attaccati al pelo. Avendo una conformazione a freccia, quando un forasacco riesce a raggiungere l’animale, difficilmente torna indietro ma penetrerà fino al sottocute; spesso gli animali aspirano questi germogli ed entrano nelle vie respiratorie causando problemi molto gravi negli animali se non vengono rimossi tempestivamente.

Solitamente, i forasacchi si prendono quando il proprio animale frequenta zone con tanta erba e dove c’è una grande quantità di graminacee, come i campi o i prati. Anche lungo le strade in città si possono trovare queste piante. Quindi, mai sottovalutare i forasacchi!

Come facciamo a capire se il nostro amico a 4 zampe ha un forasacco

Ci sono diversi sintomi che ci fanno capire quando il nostro cane o gatto ha un forasacco e dipendono dalla localizzazione del germoglio. Vediamo quali sono le zone più frequenti dove si possono infilare i forasacchi!

Le orecchie

Quando il cane scuote spesso la testa, si gratta, inclina il capo verso una direzione precisa ed è molto infastidito allora potrebbe aver preso un forasacco. Spesso si sente dire che se il forasacco raggiunge la profondità dell’orecchio, questo rompe il timpano e cammina fino al cervello.

Forasacchi in arrivo: l'incubo per chi possiede un amico a 4 zampe

Se il cane è in buona salute, una simile situazione non potrà accadere ma porta altri problemi fastidiosi al vostro animali, come gonfiore e infezione, lesioni e fuori uscita di sangue. In questi casi è molto importante che non si agisca d’impulso, ma recarsi dal proprio veterinario di fiducia o una clinica veterinaria che lo estrarranno in sicurezza!

Il naso

Il naso è un’altra zona delicata dove facilmente i forasacchi possono entrare, soprattutto se aspirati involontariamente dal cane mentre corre in un campo. In questi casi, il vostro animale starnutirà in modo compulsivo per cercare di eliminare il corpo estraneo, fino anche a provocarsi lesioni e sangue. Il naso dei cani e dei gatti sono pieni di piaghe e spesso il forasacco potrebbe bloccarsi tra di esse. Nel momento in cui vi accorgete che il vostro cane ha inspirato un forasacco, va portato subito dal veterinario e lungo il tragitto non dovrà mangiare niente, in quanto per estrarre il germoglio l’animale dovrà essere anestetizzato. E’ raro, ma se preso alla leggera il forasacco potrebbe arrivare fino ai polmoni.

Sottocute, molto frequente

Soprattutto nei cani a pelo lungo, è difficile accorgersi che abbia preso un forasacco e questo potrebbe insinuarsi nelle zone meno vistosi fino ad arrivare alla pelle e infilarsi nel sottocute.

Forasacchi in arrivo: l'incubo per chi possiede un amico a 4 zampe

Le zone interdigitali dei cani e dei gatti sono i punti più comuni dove si infilano, ma possono attaccarsi in qualsiasi punto del corpo dove il pelo è folto e annodato, come le pieghe genitali, il petto e l’addome. Non sottovalutare la possibilità che il tuo animale domestico prenda un forasacco in un punto meno comune: controlla attentamente la pelliccia del tuo animale, specialmente dopo una passeggiata o un gioco all’aperto.

Inalazione a bocca aperta: tracheo-bronchiale

Ci troviamo nel caso più serio e grave, quello dell’inalazione per via tracheo-bronchiale che, se non preso in tempo, può arrivare fino ai polmoni e portare a gravi problemi respiratori fino anche alla morte dell’animale. Nel momento in cui il cane inizierà una tosse persistente, respiro affannoso o difficoltà a respirare, sangue in bocca e sintomi simili allora potrebbe aver inalato un forasacco. In questo caso, anche solo con un sospetto, suggeriamo di dirigervi subito presso il vostro veterinario o una clinica per scongiurare il peggio. In questo caso, è necessario una operazione chirurgica con anestesia totale e seguire una terapia precisa che vi sarà affidata dal vostro veterinario.

forasacchi

Ecco una piccola tabella riassuntiva fatta da noi delle zone più colpite dai forasacchi; tuttavia, si raccomanda di portare il proprio cane in zone dove non sono presenti le graminacee oppure, controllare con accuratezza ogni parte del corpo del vostro animale domestico, anche il gatto in quanto caccia nell’erba, e spazzolare il pelo dopo ogni passeggiata.

Questo articolo è stato scritto solo a titolo informativo e non vuole sostituire in alcun modo il parere del veterinario. Per ogni dubbio o comportamento anomalo, chiamare il proprio veterinario di fiducia o la clinica veterinaria a voi più vicina.