1. Alimentazione delle tartarughe d’acqua dolce: cosa devi sapere
  2. Occhi rossi nel cane: quali sono le cause e i sintomi
  3. Accarezzare il gatto: sai farlo nel modo giusto?
  4. Malattie del furetto: quali sono le più comuni?
  5. Giochi per furetti domestici: quali bisogna acquistare?
  6. Parco del Pizzorne: passeggiata con fido in primavera
  7. Spazzola per cani e gatti: hai davvero quella giusta per loro?
  8. Cimurro nel cane: cos’è e come riconoscerla
  9. Polpastrelli secchi nei nostri amici a 4 zampe: come idratarli
  10. Sulla neve con fido: Alpi Orobiche e il Rifugio Capanna 2000
  11. Accessori per cincillà: eccone alcuni che non devono mai mancare
  12. Cincillà come animale domestico: ecco alcune informazioni utili
  13. Noduli cutanei nel cane: c’è da preoccuparsi?
  14. Piante per acquari d’acqua dolce: ecco quali scegliere
  15. Furetto domestico: sfatiamo qualche mito su questo animale
  16. Rogna canina: come riconoscerla e prevenzione
  17. Giochi per gatti: ecco alcuni da acquistare per placare i loro istinti
  18. Tenia nel gatto: cosa devi sapere di questo parassita
  19. Filaria nel cane: trattamento e prevenzione contro questa malattia
  20. Scarpe per cani: la diatriba tra i favorevoli e i non
  21. Gengivostomatite nei gatti: quali sono le cause e i sintomi
  22. Sindrome da autodeplumazione nei pappagalli: di cosa si tratta
  23. Spiaggia per cani: Il Santos, passare le vacanze al mare in Puglia
  24. Caldo per cani e gatti: come proteggerli e rinfrescarli in estate
  25. Malattia di Lyme: cos’è e come fare a riconoscerla
  26. Val di Fassa: itinerari per una vacanza da sogno con Fido
  27. Svezzamento cuccioli: cos’è e perchè devono stare con la mamma
  28. Escursione con Fido al Parco Nazionale del Gran Paradiso
  29. Tartarughiere e accessori per il tuo amico d’acqua dolce
  30. Unghie dei cani: la guida essenziale per mantenerle sane e forti
  31. Crocchette per cani pressate a freddo: perchè sono le migliori
  32. Migliore acquario Juwel per neofiti: guida alla scelta 
  33. Acquario d’acqua dolce: cosa devi sapere
  34. Sapevi che lo stress nel gatto è una malattia mentale comune?
  35. Gabbie per pappagalli, le migliori soluzioni da interno ed esterno
  36. I disturbi cutanei nel gatto sono molto comuni: ecco cosa sapere
  37. Quali sono le specie di pappagallo da poter tenere in casa
  38. Shampoo per cani: i migliori per il tuo amico a 4 zampe
  39. Vacanza con fido: dove godersi il mare a Rimini con il tuo cane
  40. E’ in arrivo un gatto in casa? Ecco cosa devi sapere
  41. Forasacchi in arrivo: l’incubo per chi possiede un amico a 4 zampe
  42. Pettorina per animali: come scegliere quella giusta
  43. Tartaruga d’acqua dolce: come prendersene cura
  44. Antiparassitari per cani e gatti: spot-on VS collare
  45. Le migliori lettiere per gatto: guida all’acquisto
  46. I migliori dispenser di acqua per il tuo gatto e cane
  47. Campanelli d’allarme per capire se il tuo cane non sta bene
  48. Alimentazione del coniglio domestico: quello che forse non sapevi
  49. Quando e come pulire le orecchie del cane: ecco alcuni consigli

I cincillà sono creature affascinanti appartenenti all’ordine dei roditori e alla famiglia Chinchillidae. Originari delle Ande, in Sud America, questi animali sono stati a lungo perseguitati per la loro pregiata pelliccia, rischiando l’estinzione; oggi sono riconosciuti come animali da compagnia.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i cincillà non sono così piccoli; possono raggiungere un peso considerevole, fino a 800 grammi, richiedendo pertanto cure specifiche e un ambiente adeguato per la loro crescita. Il loro carattere è altrettanto unico, e scoprire di più su questi graziosi roditori può aiutarci a prenderci cura di loro nel migliore dei modi.

Animale notturno e curioso

Questi roditori sono animali davvero graziosi, con orecchie lunghe e una coda folta. Ma chi volesse un cincillà come animale domestico, deve sapere che sono animali notturni agili e vivaci che adorano esplorare. Tuttavia, gli esemplari nati e cresciuti in cattività, si attivano anche di giorno e il loro carattere varia in ogni individuo.

Alcuni sono molto socievoli e dolci, amano essere maneggiati e coccolati specialmente dalla persona con cui hanno stretto un rapporto più intimo e che riconoscono come il loro padrone. Altri individui invece non amano essere toccati di frequente. Generalmente, sono animali docili che mordono molto difficilmente e se stressati.

cincillà
Image Pixabay

Un aspetto molto importante per le famiglie che vogliono adottare un cincillà e hanno bambini piccoli a casa, è che questo animale è timido e non è particolarmente adatto per i più piccoli. Tuttavia, con l’aiuto di genitori comprensivi e informati, si può gestire questo animale in presenza di bimbi educando loro al rispetto del cincillà e dei suoi spazi.

La casa del cincillà

Passiamo a un altro aspetto fondamentale che influenza sicuramente la salute e il benessere dell’animale: gli spazi da dedicargli. Come detto prima, il cincillà è un animale vivace che adora esplorare e necessita quindi di una casa idonea a lui.

Per un esemplare già abituato al contatto umano e all’ambiente, si può lasciare libero per casa in vari momenti della giornata assicurandoci che non ci siano porte o finestre aperte da cui può scappare. Ma anche lui vuole la sua intimità e per un new entry c’è bisogno di uno spazio idoneo.

Cosa ha bisogno quindi? La gabbia deve essere molto spaziosa e sviluppata in altezza, come le voliere, a più ripiani disposti in altezza e con diversi accessori (come giochi, ruote e nascondigli), in quanto amano i posti alti e fare movimento. Le misure standard sono 150 cm di altezza*200 cm di larghezza e 1mt di profondità. Inoltre, sono animali che amano la compagnia ed è buona norma prendere un compagno, così che non rimanga solo.