Cianobatteri: perché è un pericolo quando si nuota con il cane?

Salute del cane

I cianobatteri sono presenti sul pianeta Terra fin dalla sua creazione. Sono anche utili in molti modi. Ma quando proliferano nei corsi d’acqua, rappresentano un vero pericolo quando si nuota.

Mentre gli esseri umani non sono generalmente molto sensibili ad essi, alte dosi di cianobatteri possono avere forti effetti collaterali sul corpo del vostro cane, a volte portando alla morte. Spieghiamo…

Cosa sono i cianobatteri?

I cianobatteri sono microrganismi che si possono trovare ovunque sulla superficie del globo. Crescono sulla terraferma, ma anche in ambienti acquatici, in acqua dolce, salmastra e salata.

I cianobatteri si trovano quindi in tutto il mondo e sono necessari perché producono ossigeno. Tuttavia, proliferano in condizioni climatiche favorevoli, soprattutto con il caldo.

Il problema per i nostri cani è che alcune specie di cianobatteri producono cianotossine, che sono potenzialmente tossiche per le specie animali (cani, bestiame, animali selvatici) se presenti in numero eccessivo.

Dove si trovano i cianobatteri?

Anche se i cianobatteri si trovano ovunque, sono principalmente concentrati nell’acqua e intorno ad essa. Le nostre spiagge, le rive dei fiumi, le piante e i corsi d’acqua ne concentrano quindi il massimo.

Alcuni galleggiano mentre altri affondano. I cianobatteri si possono quindi trovare sia sulla superficie dell’acqua che sul fondo, dove si aggrappano ai minerali presenti.

Preferiscono le acque stagnanti e i ruscelli calmi, a condizione che questi ultimi siano ricchi di nutrienti. La regione Centre-Val-de-Loire e il Pays-de-la-Loire sono regolarmente colpiti dal fenomeno da maggio a ottobre, e i dipartimenti d’oltremare durante tutto l’anno.

Quanto sono pericolosi i cianobatteri per il tuo cane?

State portando il vostro cane a fare una passeggiata sull’acqua? La cautela è necessaria, soprattutto dalla primavera all’autunno, intorno a laghi, fiumi, stagni e paludi. A causa della scarsa miscelazione e del movimento dell’acqua, i cianobatteri possono essere presenti in grandi quantità, soprattutto se la falda è relativamente bassa.

Puoi imparare come identificare la presenza di una fioritura di cianobatteri tossici:

  • Un cambiamento del colore dell’acqua in blu-verde o rosso-marrone,
  • Una formazione di fioriture, una specie di schiuma verdastra o schiuma,
  • Un odore di rifiuti domestici marci o anche di erba tagliata.

Le cianotossine nell’acqua sono un rischio per Medor. Nuotando, o semplicemente dissetandosi in riva all’acqua, ingerisce suo malgrado queste particelle nocive.

Da più di 15 anni, una recrudescenza della mortalità tra i nostri compagni è stata registrata con questo mezzo. E il pericolo è ancora maggiore per loro che per noi, perché l’odore dei cianobatteri è attraente.

Quali sono i segni di avvelenamento da cianobatteri nei cani?

Se il vostro cane ha fatto il bagno in un posto del genere, è importante fare attenzione ai segni di avvelenamento. Questi possono apparire in pochi minuti o ore, a seconda della resistenza del vostro cane e della quantità di cianobatteri ingeriti.

L’avvelenamento da cianotossina attacca il fegato, ma anche il cervello. Ecco i segni che dovrebbero mettervi in guardia:

  • Il tuo cane ha problemi digestivi (diarrea, nausea, vomito),
  • Il tuo cane ha disturbi nervosi (tremori, perdita di equilibrio, ansia, aggressività),
  • Il tuo cane sbava in modo anormale, ha gli occhi sporgenti, difficoltà respiratorie…

Questi sintomi non sono da prendere alla leggera. Questa è un’emergenza veterinaria assoluta, la vita del vostro amico a quattro zampe è in gioco. Vada il più presto possibile dal suo veterinario o da quello più vicino alla sua destinazione di vacanza per stabilizzare le condizioni del suo cane!

Cosa fare se il tuo cane ingerisce dei cianobatteri?

Come spesso accade nelle questioni veterinarie, la migliore difesa è la prevenzione. Quindi, seguite questi consigli per evitare di mettere il vostro cane in contatto con i cianobatteri:

  • Rispettate le restrizioni e non bagnate il vostro cane se il nuoto è sconsigliato o vietato,
  • Tenere il cane al guinzaglio nelle zone infestate,
  • Ispezionare le rocce e la superficie dell’acqua per le alghe,
  • Controlla gli avvisi ARS sui siti web regionali.

Tuttavia, se la palla di pelo ha già ingerito le tossine, è possibile, in attesa del veterinario, procedere con le seguenti cure:

  • Sciacquare bene il cane con acqua pulita,
  • Raccogliete qualsiasi sputo.
  • State vicino al vostro animale e parlategli con un tono rassicurante.

Purtroppo, ci sono morti di cani infettati dai cianobatteri ogni anno. Quindi sii particolarmente vigile, è in gioco la salute del tuo migliore amico!

Rate article