1. Alimentazione delle tartarughe d’acqua dolce: cosa devi sapere
  2. Occhi rossi nel cane: quali sono le cause e i sintomi
  3. Accarezzare il gatto: sai farlo nel modo giusto?
  4. Malattie del furetto: quali sono le più comuni?
  5. Giochi per furetti domestici: quali bisogna acquistare?
  6. Parco del Pizzorne: passeggiata con fido in primavera
  7. Spazzola per cani e gatti: hai davvero quella giusta per loro?
  8. Cimurro nel cane: cos’è e come riconoscerla
  9. Polpastrelli secchi nei nostri amici a 4 zampe: come idratarli
  10. Sulla neve con fido: Alpi Orobiche e il Rifugio Capanna 2000
  11. Accessori per cincillà: eccone alcuni che non devono mai mancare
  12. Cincillà come animale domestico: ecco alcune informazioni utili
  13. Noduli cutanei nel cane: c’è da preoccuparsi?
  14. Piante per acquari d’acqua dolce: ecco quali scegliere
  15. Furetto domestico: sfatiamo qualche mito su questo animale
  16. Rogna canina: come riconoscerla e prevenzione
  17. Giochi per gatti: ecco alcuni da acquistare per placare i loro istinti
  18. Tenia nel gatto: cosa devi sapere di questo parassita
  19. Filaria nel cane: trattamento e prevenzione contro questa malattia
  20. Scarpe per cani: la diatriba tra i favorevoli e i non
  21. Gengivostomatite nei gatti: quali sono le cause e i sintomi
  22. Sindrome da autodeplumazione nei pappagalli: di cosa si tratta
  23. Spiaggia per cani: Il Santos, passare le vacanze al mare in Puglia
  24. Caldo per cani e gatti: come proteggerli e rinfrescarli in estate
  25. Malattia di Lyme: cos’è e come fare a riconoscerla
  26. Val di Fassa: itinerari per una vacanza da sogno con Fido
  27. Svezzamento cuccioli: cos’è e perchè devono stare con la mamma
  28. Escursione con Fido al Parco Nazionale del Gran Paradiso
  29. Tartarughiere e accessori per il tuo amico d’acqua dolce
  30. Unghie dei cani: la guida essenziale per mantenerle sane e forti
  31. Crocchette per cani pressate a freddo: perchè sono le migliori
  32. Migliore acquario Juwel per neofiti: guida alla scelta 
  33. Acquario d’acqua dolce: cosa devi sapere
  34. Sapevi che lo stress nel gatto è una malattia mentale comune?
  35. Gabbie per pappagalli, le migliori soluzioni da interno ed esterno
  36. I disturbi cutanei nel gatto sono molto comuni: ecco cosa sapere
  37. Quali sono le specie di pappagallo da poter tenere in casa
  38. Shampoo per cani: i migliori per il tuo amico a 4 zampe
  39. Vacanza con fido: dove godersi il mare a Rimini con il tuo cane
  40. E’ in arrivo un gatto in casa? Ecco cosa devi sapere
  41. Forasacchi in arrivo: l’incubo per chi possiede un amico a 4 zampe
  42. Pettorina per animali: come scegliere quella giusta
  43. Tartaruga d’acqua dolce: come prendersene cura
  44. Antiparassitari per cani e gatti: spot-on VS collare
  45. Le migliori lettiere per gatto: guida all’acquisto
  46. I migliori dispenser di acqua per il tuo gatto e cane
  47. Campanelli d’allarme per capire se il tuo cane non sta bene
  48. Alimentazione del coniglio domestico: quello che forse non sapevi
  49. Quando e come pulire le orecchie del cane: ecco alcuni consigli

L’alimentazione delle tartarughe d’acqua dolce rappresenta un aspetto di vitale importanza che richiede attenta considerazione e approfondimento. Troppo spesso, chi decide di acquistare una tartaruga è indotto a scegliere prodotti non sempre idonei al benessere del nuovo membro della famiglia.

Le tartarughe d’acqua dolce possono raggiungere dimensioni considerevoli, purché ricevano le cure e l’alimentazione adeguate. Ecco una piccola guida!

Cosa mangiano le tartarughe d’acqua dolce?

Prima di fare un elenco dei cibi consigliati nell’alimentazione delle tartarughe d’acqua dolce, è bene sapere che possiamo distinguere specie vegetariane, carnivore e onnivore. Quelle d’acqua dolce, come la tartaruga dalle orecchie rosse, sono molto voraci; è ovvio che, per le specie allevate in cattività, sta a noi garantirgli benessere e salute. E’ anche importante che la dieta non sia monotona, ma è buona norma variarla ogni tanto.

alimentazione delle tartarughe

Cibo fresco nell’alimentazione delle tartarughe

Il cibo fresco è sempre la scelta migliore per garantire loro un’alimentazione sana e che includa tutti i nutrimenti di cui hanno bisogno. Tra i pesci abbiamo i latterini (da dare anche con la testa essendo comunque pesci molto piccoli), le alborelle, i gamberetti, i cefaletti, salmone, nasello e merluzzo.

Attenzione però con la quantità di cibo da somministrargli; le tartarughe hanno infatti uno stomaco piccolo, di norma per calcolare la giusta quantità si prende in considerazione la testa e si somministra la metà della grandezza della testa.

Altro cibo fresco sono le larve di zanzara, lombrichi, tarme della farina, camole del miele, moscerini. Anche del cibo congelato come crostacei e molluschi vanno bene.

Va bene la carne ma con moderazione

Tra il cibo fresco anche la carne è consigliata, ma con parsimonia. In che senso? No alla carne rossa, in quanto a lungo andare potrebbe causargli dei problemi al fegato. Al massimo, è possibile dare al vostro animale un pezzettino piccolo di fegato ogni 2 mesi.

Considerate che la carne rossa è un alimento molto pesante per questi animali ed è per questo che si consiglia la carne bianca, in particolare un pezzetto di pollo crudo.

Frutta, verdura e osso di seppia nell’alimentazione delle tartarughe

Per quanto riguarda la frutta, non è molto consigliata in quanto è ricca di zuccheri e anche in questo caso può creare dei problemi al fegato. Mentre per la verdura, sono molte le tipologie che si può somministrare alle vostre tartarughe d’acqua dolce.

Tra le verdure abbiamo il radicchio, molto apprezzato dalle tartarughe, il tarassaco, la malva e il basilico ma sempre in quantità contenute specialmente quando sono ancora piccole. Un errore molto comune tra i neofiti è dare una grande quantità di lattuga e carote; in realtà queste verdure – insieme al sedano e alle zucchine – vanno date con parsimonia o optare per altre tipologie di verdure.

alimentazione delle tartarughe

Per le tartarughe allevate in cattività viene spesso consigliato l’osso di seppia, in quanto è una buona fonte di calcio ed è indispensabile per la crescita e il mantenimento del carapace.

Mangimi commerciali

In commercio ci sono tantissime tipologie di mangime in pellet per tartarughe d’acqua, a base di farine di pesce e crostacei o vegetali tra cui anche i gamberetti secchi. Uno degli errori molto comuni, indotto purtroppo anche dei negozianti, è quello di dare alle proprie tartarughe d’acqua solo questa tipologia di mangimi.

In realtà è molto sbagliato! Per garantire una dieta sana ed equilibrata bisogna dare loro cibo fresco e utilizzare questi alimenti solo per integrare l’alimentazione.

In ogni caso, è buona norma consultare un esperto del settore o il proprio veterinario sull’alimentazione per tartarughe d’acqua dolce corretta ed equilibrata, ricordando di variare di tanto in tanto.

Questo articolo è stato scritto solo a titolo informativo e non vuole sostituire in alcun modo il parere del veterinario. Per ogni dubbio o comportamento anomalo, chiamare il proprio veterinario di fiducia o la clinica veterinaria a voi più vicina.